Depandesca & The Bad Seeds – Dead Village Ballads

Depandesca & the Bad SeedsDEAD VILLAGE BALLADS live
Chilum Records, 2001
[Tre Compact, confezione regalo]
£ 98.000

Depandesca & The Bad Seeds non hanno deluso le aspettative: Dead Village Ballads, vera e propria icona del dark-rock (contaminato da risonanze porno-etniche), si presenta come uno dei migliori album attualmente in circolazione. C’è tanta poesia in questo disco, ma non quella recitata la notte di Natale davanti ad un nugolo di parenti adoranti, o quella piena di parole d’amore che ci si scambia in un auto dai finestrini appannati, ma la poesia ambigua e fosca di una generazione maledetta ed emarginata.

Secondo alcuni, il disco live, registrato durante un megaconcerto tenutosi nello stadio Comunale di Bastardo (PG) nell’estate del ’99, non sarebbe altro che un omaggio alla memoria del defunto Marchese de Sade, uomo perennemente in bilico tra culinaria e trasgressione, e primo compositore del genere gotico fiammeggiante.

Formatosi all’Accademia Navale di Perugia, Depandesca ha esordito col non fortunatissimo singolo “Il Papa e il Sole: massima felicità”, che ha venduto solo sette copie, distribuite tutte in famiglia. I favori del pubblico sono, invece, giunti con la pubblicazione (clandestina) del primo album, “Dai fuoco al mio ombrellone”, che ne ha consacrato lo spirito anticonformista e ribelle, oltre all’innato talento visionario e all’inspiegabile incapacità di produrre un suono articolato, non solo da qualsiasi strumento musicale conosciuto, ma anche da ogni oggetto presente in natura. Da tempo, ormai, i media lo attaccano ferocemente a causa della sua dissacrante immoralità, ma lui si difende lanciando strali contro il Governo e le Organizzazioni di Consumatori che definisce: “Aberrazioni cliniche senza scopo di lucro di corpi statali contundenti”, frase che risulta pesantemente offensiva, sebbene nessuno riesca ad afferrarne il significato.

Per quanto riguarda Dead Village Ballads, “Ucciderei per non avere tanto freddo” si propone come canzone di punta, ricca di atmosfere e di premonizioni, mentre le dolcissime armonie di “Killin’Babbuine” smuovono anche gli animi più aridi e insensibili. Segnaliamo inoltre “Narici e salici”, dedicata al fratello carpentiere, cocainomane ed erotomane, e la rutilante “Figli di una sigaretta al tungsteno”, in evidente polemica con l’apertura abusiva di villaggi-vacanze in Calabria.

Sarà un acquisto di cui certo non vi pentirete, benché sia decisamente arduo scartare la pellicola trasparente in lega di titanio che avvolge la confezione regalo, e nonostante due dei tre Compact Disk all’interno siano di pasta di mandorle.

* * * Il fotomontaggio ci è stato inviato da Giuseppe de Francesca, corredato da una interessante e-mail, che trovate a seguire, che esprime il punto di vista del suo alter-ego: “Depandesca” .  * * *

Salve a tutti,

Mi chiamo Giuseppe Depandesca e vorrei partecipare al vostro concorso sui fotomontaggi.
In realtà questo non è un vero e proprio fotomontaggio: trattasi altresì della copertina del mio ultimo cd. E’ una raccolta dei miei più grandi successi: non sono un cantautore, per cui la maggior parte dei pezzi sono cover delle canzoni presentate al “Dead Village Festival”; manifestazione che voi, non negatelo, apprezzate con tutto il vostro cuore.

N.B.: tutto il cd è live, registrato e rimasterizzato da un concerto da me tenuto a Bastardo, frazione di Deruta (provincia di Perugia). Il concerto ha riscosso enorme successo per un totale di 17 paganti tra amici, amici di amici e gestori del locale, per un incasso record di 43000 lire iva esclusa e bibite a carico mio.

Comunque sia, diffidate dalle imitazioni: so per certo che tale Nick Cave (cantante e compositore ai più sconosciuto) in un suo non recente album, ha copiato non solo l’intera grafica della copertina, ma anche il nome della mia leggendaria band: I Bad seeds (il cui nome deriva da una coltivazione anomala di cannabis).
La copertina originale è la mia!! Cazzo. E ne ho le prove!!!
Il muro dietro la mia sagoma è quello della casa di Pancrazio (il batterista) quando ancora era in costruzione! E il cappotto nero è il mio: l’ho comprato al mercato di Cannara vicino Spello e a 3 km da Torgiano (prezzi modici, alta qualità e cortesia…andateci!).

Per il momento vi saluto e vi ringrazio anticipatamente.
Spero tanto che il vostro celeberrimo critico stipendiato appositamente per questa rubrica apprezzi il mio lavoro e ne tenga conto riservandomi un commento che finalmente faccia luce sulla verità.

Grazie ancora.

Vostro Giuseppe Depandesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *