Ricordo di quando da ragazzino mi cadde in un burrone la macchina fotografica nuova e mio cugino Beppe rise

Scattavo con amor crescente
era d’Agosto…quanti anni fa?
Quando un gran vento via mi getta
la macchinetta.

E non un pianto, non un grido;
soltanto un risino maligno
mi perviene, come un bel ghigno.

Strillo, gli dico: Come hai potuto,
cugino mio, esser così cornuto?
Lui con la mano mi fa un cenno muto;
Come ha potuto?

Con un sospiro quindi la moto
tiro con cieco furore a me
e nel burrone raggiunge le foto.

Piange e mi chiede: Ma sei scimunito?
Superbamente sollevo il mio dito.
Beppe l’infame non rise mai più.

Olindo Malacozza

Bellissima.

Un’immagine-ricordo sale dal fondo dell’anima del poeta ed assume le sembianze dell’odiato cugino Beppe, che aveva riso sarcasticamente di una sua disavventura giovanile. La scomparsa accidentale dell’adorata macchina fotografica nuova risveglia nell’autore – allora ragazzino – momenti di forte depressione e scoramento, riscattati poi da improvvisi sussulti di vendetta che leniscono il dolore della perdita.

Si noti come la pregevole tecnica di Olindo Malacozza gli consenta – tramite richiami fonici, correlazioni metriche, toni interrogativi e risposte – di accrescere progressivamente il pathos della poesia, di toccare poi il culmine della tensione emotiva nel momento della comprensibile reazione del poeta, che scaraventa d’istinto la motocicletta del cugino dal quello stesso burrone, per poi godersi il pianto disperato dell’impudente consanguineo.

Le poesie di Malacozza, che oggi ha 52 anni e vive a Pinerolo, sono contenute nella celebre raccolta “Parentado di Merda” – in cui si celebrano con grande sensibilità la famiglia ed i suoi valori – ed in “Poemetti di un violento, irascibile zoticone”, versi di ottima fattura ispirati a tematiche importanti, come la pace tra gli uomini, la pietà, l’amore e l’amicizia, tra i quali segnaliamo lo splendido e commovente “Sei il mio migliore amico, ma se mi deridi ancora ti sfregio a vita”, che ha vinto il XVII° Festival Nazionale della Poesia Sentimental-Popolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *